Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

NUOVE MISURE DI INGRESSO IN ITALIA DALL'ARGENTINA

Data:

21/12/2021


NUOVE MISURE DI INGRESSO IN ITALIA DALL'ARGENTINA

NORMATIVA SUGLI SPOSTAMENTI TRA L'ITALIA E L’ARGENTINA (Aggiornamento 15 dicembre 2021)

INGRESSO IN ITALIA DALL’ARGENTINA (Disposizioni in vigore dal 16 dicembre 2021 al 31 gennaio 2022)

Si comunica che a partire dal 16 dicembre, a seguito dell’Ordinanza del Ministro della Salute del 14 dicembre 2021, l’Argentina è stata inserita nella lista dei Paesi inclusi nell’elenco D dell’Allegato 20 al decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 2 marzo 2021.

L’ingresso in Italia è dunque consentito alle persone che hanno soggiornato o transitato, nei quattordici giorni antecedenti, in uno o più Stati o territori di cui all’elenco D, tra cui l’Argentina, indipendentemente dalle motivazioni del viaggio (senza necessità quindi di presentare al vettore, all’atto dell’imbarco, e a chiunque sia preposto a effettuare i controlli, la nota consolare e la relativa documentazione giustificativa del viaggio) e alla contestuale presenza delle seguenti condizioni:

1. Compilare un formulario on-line di localizzazione (denominato anche digital Passenger Locator Form (dPLF) e presentarlo, sul proprio dispositivo mobile o in versione cartacea, al vettore al momento dell’imbarco, e a chiunque sia preposto a effettuare i controlli;

2. Presentare al vettore, all’atto dell’imbarco, e a chiunque sia deputato a effettuare i controlli, la certificazione “verde” COVID-19, rilasciata al completamento del ciclo vaccinale ovvero certificazione equipollente, emessa dalle autorità sanitarie competenti a seguito di vaccinazione validata dall’EMA (Agenzia Europea per i Medicinali);

3. Presentare al vettore, all’atto dell’imbarco, e a chiunque sia preposto a effettuare i controlli, un certificato che attesti il risultato negativo di un test molecolare o antigenico, condotto con tampone, effettuato nelle 72 ore precedenti all’ingresso in Italia se molecolare o nelle 24 ore precedenti all'ingresso nel territorio nazionale se antigenico.

In caso di mancata presentazione della certificazione indicata al punto 2 (certificato di vaccinazione) è comunque possibile entrare in Italia ma è fatto obbligo di:

§ Sottoporsi a test molecolare o antigenico (rispettivamente 72 se molecolare e 24 ore se antigenico prima dell’ingresso nel territorio nazionale);

§ Sottoporsi a isolamento fiduciario e sorveglianza sanitaria (informando la ASL competente per attivare la sorveglianza) presso l’indirizzo indicato nel dPLF, raggiungibile solo con mezzo privato, per un periodo di 5 giorni;

§ Effettuare un ulteriore test molecolare o antigenico, condotto con tampone, al termine dei 5 giorni di isolamento.

Dal 23 settembre il Ministero della Salute ha riconosciuto (con questa Circolare) l’equivalenza di alcuni vaccini, somministrati da autorità sanitarie estere, a quelli effettuati nell’ambito del Piano nazionale dei vaccini per la prevenzione da SARS-CoV-2.

Si tratta, in particolare, di:

· vaccini riconosciuti da EMA – Agenzia Europea per i Medicinali (vedi Allegato n. 1 alla Circolare);

· Covishield (Serum Institute of India), prodotto su licenza di AstraZeneca;

· R-CoVI (R-Pharm), prodotto su licenza di AstraZeneca;

· Covid-19 vaccine-recombinant (Fiocruz), prodotto su licenza di AstraZeneca.

A seguito di tale riconoscimento:

– i cittadini italiani (anche residenti all’estero) e i loro familiari conviventi, indipendentemente dal fatto che siano iscritti al Servizio Sanitario Nazionale o al SASN (Assistenza Sanitaria al Personale Navigante), e tutti i soggetti iscritti a qualunque titolo al Servizio Sanitario Nazionale che sono stati vaccinati all’estero con i summenzionati vaccini o che sono guariti all’estero da COVID-19, potranno richiedere, se si trovano già sul territorio italiano, il rilascio del Green Pass recandosi presso le Aziende Sanitarie locali di competenza territoriale;

– tutti gli altri cittadini stranieri vaccinati all’estero con i summenzionati vaccini avranno diritto ad accedere, sul territorio nazionale, a tutti i luoghi e servizi per i quali è richiesto il Green Pass;

– per poter essere riconosciute come equivalenti al Green Pass, le certificazioni sul vaccino ricevuto all’estero dovranno contenere le seguenti informazioni: dati identificativi del titolare, dati relativi al vaccino, data/e di somministrazione del vaccino, dati identificativi di chi ha rilasciato il certificato; dovranno inoltre essere redatte in italiano, inglese, francese, spagnolo o tedesco oppure, ove fossero rilasciate in un’altra lingua, essere accompagnate da una traduzione giurata.


1361